I principali indicatori economici registrano da anni un “trend” positivo per il Paese, la cui economia è cresciuta costantemente con andamenti positivi, laddove il resto delle economie rallentavano e stagnavano. I dati economici più recenti indicano un costante PIL positivo: nel 2013 del 4,9%, nel 2014 del 4.6%, nel 2015 del 3,1% e anche per il 2016 è previsto un PIL del 3,0%.

Il tasso di inflazione nel 2015 è stato del 6,77%%.

La disoccupazione, dimezzata negli ultimi 12 anni, si colloca intorno all'8%.

La costante crescita economica del paese negli ultimi anni è certamente stata alimentata anche dagli alti tassi degli investimenti che se nel 2000 consistevano nel 14% del PIL, oggi sono del 28%.

Secondo l'OCSE gli elementi principali che hanno determinato questa forte crescita sono:

  • gli investimenti sostenuti per infrastrutture e alloggi;
  • la crescita dei consumi privati (con un forte incremento della cosiddetta classe media);
  • la solidità del mercato del lavoro.

I pilastri della struttura economica colombiana, le cosiddette “Locomotoras” del Presidente Juan Manuel Santos, sono i settori delle infrastrutture, dell’edilizia, dell’attività energetico-mineraria, dell’agricoltura e dell’innovazione.

Tagged Under

Chi è on-line

Abbiamo 11 visitatori e nessun utente online

Facebook banner