AGEVOLAZIONI

Lo strumento finanziario della Cooperazione Italiana

Come costituire una joint venture tra le aziende italiane e paesi in via di sviluppo.

L'Art. 7 della legge 49/87 post riforma art. 27 legge 125/14 sulla Cooperazione allo Sviluppo in Italia contempla la possibilità di utilizzare prestiti agevolati per finanziare la partecipazione di capitale sottoscritto dalle aziende italiane in JV (joint venture) e le società dei paesi in via di sviluppo.

Paesi del Latino America inclusi nell' Art.7:

  • Bolivia
  •  Colombia
  •  Cuba
  •  Ecuador
  •  El Salvador
  •  Guatemala
  •  Guyana
  •  Haiti
  •  Honduras
  •  Nicaragua
  •  Paraguay
  •  Perù

I beneficiari di questo titolo di credito sono aziende italiane che realizzano Joint Venture con aziende dei paesi ammessi. Possono essere nuove Joint Venture o l'ampliamento di aziende esistenti. La partecipazione della società locale non può essere inferiore al 25% del capitale della joint venture.

Il credito può finanziare fino al 70% del contributo capitale sottoscritto dalla società italiana in joint venture per un importo massimo di € 10.000.000 (dieci milioni di euro).

Tasso di interesse pari al 15% del tasso di interesse commerciale (3,98% a febbraio 2014), circa lo 0,59%
Periodo di restituzione 10 anni.

Settori ammissibili dell'art. 7:

  • Industria, agricoltura, allevamento, pesca e di trasformazione per i suoi prodotti
  •  Artigianato
  •  Servizi locali di interesse pubblico nei settori dell'energia, delle comunicazioni, acqua, trasporti e rifiuti.
  •  Microfinanza, servizi di microimprenditorialità, commercio locale, commercio equo e solidale, turismo sostenibile.
  •  Tutela e valorizzazione dei beni culturali e ambientali.
  •  Fornitura di servizi medici di pubblica utilità e produzione di medicinali;
  •   Formazione professionale ed educazione

 Finanziamenti Agevolati

Tagged Under

Chi è on-line

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

Facebook banner